30 Maggio 2018

ACCELERATORE DI CREATIVITÀ: 100% AUTHENTIC YOU®.

Il primo WORKSHOP intensivo di un giorno intero 100% AUTHENTIC YOU® si è tenuto il 12 Maggio 2018, circondati dalla natura, a casa nostra.

Il WORKSHOP è strutturato in #4 fasi. Ogni fase può essere approfondita e possiamo disegnare l’esperienza in base alle tue necessità.

Abbiamo iniziato le registrazioni alle 10 del mattino, dando il benvenuto con una buona colazione ai nostri ospiti internazionali…

…e un piccolo omaggio personalizzato!

Abbiamo camminato dal LAB al CAMPO, trasportando le casse di legno riempite di colori, vasi, pennelli ecc…

Ogni WORKSHOP inizia sempre con un cerchio di condivisione: come stiamo, dove siamo, con chi condivideremo questa esperienza. Tutti d’accordo sul rispettare la riservatezza dei contenuti personali, ma disponibili a condividere le immagini che vi propongo di seguito che ci illustrano la struttura della giornata.

Fase #1: RELAZIONE TRA TE E L’IMMAGINE.

Abbiamo chiesto ai partecipanti di portare 5 immagini a scelta: in base all’estetica, all’emozione che ci trasmettono, al ricordo che rappresentano. Abbiamo disposto tutte le immagini in modo caotico, all’interno del nostro cerchio. Abbiamo camminato in silenzio ascoltandoci, ponendo attenzione al “come mi sento in questo preciso momento”, con l’obiettivo di scegliere una sola immagine che ci rappresenta in questo momento presente, qui, ora!

Durante la condivisione in gruppi di 3 persone sperimentiamo: PARLARE, ASCOLTARE senza interrompere, OSSERVARE.

OSSERVARE non ha nulla a che vedere con il GIUDICARE, l’avevi mai notato?

Hai mai provato a parlare con una persona che non parla la tua lingua? Come ti senti quando non capisci? Spesso siamo così concentrati sui contenuti, sul linguaggio… ma se la tua compagna parla solo Russo (e tu non conosci il Russo) sarà impossibile capirvi vero?

Abbiamo provato a parlare il GIBBERISH!

Durante la fase #1 abbiamo contattato molti sentimenti ed emozioni. A partire da un’immagine – che è un qualcosa di esterno da noi – possiamo contattare il nostro mondo interiore, fatto di luce e di buio, bellezza e ombre. Solitamente preferiamo mostrare agli altri la parte brillante, vero?

E ora ci prepariamo affinché il nostro mondo interiore si possa esprimere attraverso la pittura!

Fase #2: IIL MONDO INTERIORE.

Proviamo a rimanere in contatto con le nostre emozioni e permettere loro di esprimersi attraverso la mano che solitamente no utilizziamo!

È stato proprio interessante realizzare che molti partecipanti non hanno nemmeno sentito il mio suggerimento di “usare l’altra mano”!

Mezz’ora a dipingere in silenzio, nella natura, in connessione con sé stessi.

È bellissimo vedervi mentre scoprite qualcosa di nuovo di voi, emozione che
non ha prezzo!

Pranzo: un’ora di amore attraverso il cibo nutriente, grazie alla mica preziosa vicina di casa Eleonora, che si occupa di catering vegetariano!

Allestimento, cuscini e coperte by Mestieri-LAB… ovviamente!

Fase #3: FIDUCIA E LASCIARE ANDARE.

Credo che la FIDUCIA sia un tema fondamentale nelle relazioni, sia professionali che personali.

Come ci sentiamo quando guidiamo gli altri? Quando abbiamo il potere di decidere dove andare e cosa fare? Quando possiamo decidere la velocità con cui procedere, la tempistica e gli obiettivi?

Come ci sentiamo quando siamo guidati da qualcun altro? Ci affidiamo o sentiamo tensione nel corpo? Possiamo godere dell’esperienza di scoprire cosa ci circonda senza utilizzare il senso della vista? Cosa apprendiamo dagli altri sensi.

Non c’è alcun giusto o sbagliato, poniamo l’attenzione su come ci sentiamo, osserviamolo e impariamo qualcosa di noi attraverso questa esperienza.

Fase #4: PRESENTA IL TUO PROGETTO IN 2 MINUTI.

presentare un progetto davanti ad altre persone può rappresentare una difficoltà per alcune persone. Possiamo sentirci vulnerabili, con la sensazione di non avere nulla di interessante da dire. Possiamo sentirci a disagio nel parlare una lingua diversa dalla nostra, imbarazzati, goffi, timidi. e via dicendo.

Abbiamo chiesto ai partecipanti di portare qui 2 progetti: uno che ti piace, di cui vai fiero, uno che invece giudichi come scadente. La persona seduta alla tua tetra deciderà quale progetto dovrai presentare! Davvero interessante vedere la differenza di presentazione tra “qualcosa di cui sei obbligato a parlare” e “qualcosa che ti appassiona”!

Le nostre emozioni sono importanti, comunichiamo molto di più con il linguaggio del corpo e con il nostro cuore che con le parole. Certo è importantissimo studiare e preparare i contenuti, ma una volta di fronte al nostro pubblico… lasciamoci andare!

Grazie per essere venuti qui, a portare il vostro supporto, la fiducia,
l’incoraggiamento che ci avete trasmesso nel mostrare la vostra profonda
autenticità.

Alla prossima, Marina & Vlady