27 Maggio 2021

In che modo utilizziamo la creatività nella vita di tutti i giorni?

Siamo in costante relazione con il mondo esterno, in costante scambio. Uno scambio che ci permette di soddisfare i nostri bisogni, nel rispetto dei bisogni altrui e dell’ambiente.

Quando parlo di sostenibilità delle relazioni umane intendo proprio questo.

Adattarci in modo creativo all’ambiente è una risorsa che si può allenare, ed è davvero utile. Per poter funzionare bene abbiamo bisogno di imparare ad osservare il contesto e adattarci. Osservare senza giudicare. Se sto nel giudizio è praticamente impossibile trovare soluzioni creative. La creatività si blocca con i giudizio, quindi devo scegliere cosa mi conviene fare.

Faccio un passo indietro: non ti sto dicendo di adattarti in modo passivo alle richieste dell’ambiente, di accertare e subire tutto ciò che la società ci impone… ma di trovare IL TUO modo creativo di funzionare.

In Gestalt si chiama appunto ADATTAMENTO CREATIVO.

La nostra spontanea forza di sopravvivenza ci permette di differenziarci dal contesto sociale, ma anche di farne parte. Ti ricordi di quando abbiamo parlato di libertà e di senso di appartenenza?
Ogni nostro comportamento, ogni nostra interazione con l’ambiente è un adattamento creativo.

E’ quel processo che mette in interazione i bisogni dell’organismo con le risorse dell’ambiente.

E’ creativo perché ognuno di noi genera una nuova situazione nel soddisfare il proprio bisogno.

La creazione è legata alla novità: è la scoperta di una nuova soluzione, la creazione di una nuova configurazione, di una nuova integrazione a partire da quello che c’è.

Adattamento e creazione sono due poli complementari di uno stesso processo: ciascuno è necessario all’altro per mantenere un equilibrio sano e dinamico.

Il solo adattamento non integra alcuna novità e ci limita a ripetere sempre le stesse azioni, senza introdurre nulla di nuovo.
La creazione senza adattamento non ha alcun radicamento nel “reale”, è fine a se stessa.

L’adattamento ci fa stare in contatto con la realtà, la creazione apre la porta alla dimensione della fantasia e all’ampliamento delle possibilità.

Così come per crescere abbiamo bisogno di libertà e di senso di appartenenza, per essere creativi abbiamo bisogno di:

  • libertà, ispirazione, capacità di entrare e stare nel flow
  • regole ferme, routine, il tuo processo, il time-management, il tuo metodo

Questo è quello che accade, ad esempio, nella creazione di una collezione.
Mica disegniamo vestiti a caso in base alla nostra fantasia!!!
C’e’ sempre un briefing, una struttura che risponde alle esigenze del mercato.
Una griglia con dei target di costo da rispettare.
Una direzione creativa, di materiali da utilizzare in base al peso e alla stagione.
Ci sono i tempi.
Il processo creativo segue dei passi ben precisi, e ci da la possibilità di generare qualcosa di nuovo, che non esisteva prima.

Ogni volta che entro in contatto con l’ambiente mi trasformo.
Questo accade in ogni scambio, in ogni relazione, ad ogni inspiro, ad ogni espiro.

Ti aspetto la prossima, con un pezzettino di autenticità in più!